Lacor Hospital 17

lacor16-3263

Per capire l’importanza del Lacor Hospital è sufficiente considerare il numero dei pazienti curati ogni anno: sono più di trecentomila. Ed è per questo che sin dal primo mattino l’ospedale è pieno di mamme con i loro bambini da visitare. Come spesso accade, il primo sguardo è perplesso, ma è un atteggiamento che dura poco.

To give you an idea of the importance of Lacor hospital, all you have to do is consider the number of patients treated here every year – more than three hundred thousand. That’s why the hospital is filled with mothers and children so early in the morning. As usual the first impression is of concern but that doesn’t last too long.

lacor16-3266

lacor16-3412  lacor16-3403

lacor16-3402

lacor16-3400

lacor16-3397

lacor16-3391

lacor16-3387

lacor16-3386

lacor16-3385

lacor16-3383

lacor16-3379

lacor16-3374

lacor16-3332

lacor16-3335

lacor16-3331

Oggi c’è anche un corso di educazione per le coppie. L’infermiera che mi accompagna mi segnala la presenza di ben due uomini, che in genere tendono ad evitare questi incontri.

Today, there was an educational course for couples. The nurse who was walking me around pointed out that there were actually two men attending ; normally the men avoid these kind of courses.

lacor16-3341

lacor16-3323

lacor16-3317

lacor16-3315

lacor16-3303

lacor16-3298

lacor16-3282

lacor16-3357

lacor16-3356

Anche oggi si va per vaccinazioni. Andiamo in città, a Gulu, in un angolo che sembra un tipico villaggio africano (ma Fratel Carlo l’altra sera mi spiegava che in queste zone non ci sono villaggi, ma ogni famiglia fa per sé, con le proprie capanne ben distanziate dalle altre). Qui ci sono diverse capanne, e una piccola piazzetta, con al centro un grande albero, sotto al quale quattro uomini giocano a carte, bevendo una specie di birra locale, fatta con miglio e lieviti (tutte le mie spiegazioni vanno prese con beneficio d’inventario, essendo frutto di laboriose conversazioni in più lingue e molti gesti).

Today was another vaccination day but this time we went to Gulu town, to a place that looked just like a typical African village. But Brother Carlo explained to me , the other evening, that thre are no villages around here and every family is a separate entity, their huts well distanced one from the other. There were a number of huts, a small square with a large tree, under which four men were playing cards and drinking a local beer made from millet and yeast – remember that all my explanations should be taken for what they are, the result of laborious conversations in a mixture of languages accompanied by loads of gestures.

lacor16-3499

 

lacor16-3474

lacor16-3513

Ognuno ha a disposizione la propria cannuccia.

Everyone had his own drinking straw.

lacor16-3503

 

lacor16-3470

Con noi ci sono tre operatrici; Beatrice, che avevamo incontrato per le vaccinazioni nelle scuole, Agnes e…il terzo nome non riesco a ricordarlo! Eccole tutte e tre sedute con Valentina, che aspettano i bambini da vaccinare. Le mamme sono avvisate da altri operatori che girano casa per casa per avvisare della nostra presenza.

There were three operatives with us; Beatrice who came with us to the school vaccination day, Agnes and… I can’t remember the other name! Here they are sitting with Valentina, waiting for the children to vaccinate. Another operator went from door to door to let people know that we were there.

lacor16-3481

C’è da appendere la bilancia ad un ramo dell’albero. Le signore non ci riescono, né i giocatori di carte sembrano disposti a prendere a cuore la questione. Ecco allora intervenire il vostro eroe preferito. L’operazione verrà ripetuta, perché la bilancia mi era stata passata al contrario. La foto è di Valentina Colini (la cito non per darle un credito, ma perché se ne assuma la responsabilità).

The weighing scales had to be hung on the branch of the tree and the ladies couldn’t manage it, the card players didn’t seem willing to do anything about it either. So your favourite hero get moving. The operation had to be repeated twice because the scales was handed to me upside down, the first time round. Valentina Colini took this photo and I am telling you that, not so she gets the praise for it but so that she takes responsibility for it.

ww

Mentre si preparano le iniezioni, cominciano ad arrivare i pazienti, ognuno provvisto del proprio libretto sanitario. La prima sembra pronta per il matrimonio.

While the vaccinations were being prepared, the first patients arrived, each with a health book. The first little one was dressed as if she were going to a weeding.

lacor16-3624

lacor16-3511

lacor16-3521

lacor16-3591

lacor16-3610

Andiamo avanti così, tra pesature ed iniezioni, per almeno un paio d’ore.

For about two hours, the weighing and vaccinations continued.

lacor16-3576

lacor16-3567

lacor16-3556

lacor16-3551

lacor16-3536

lacor16-3530

Poi arriva Jeoffrey, incuriosito dalla nostra attività. Ci presentiamo, ed è felice di farsi fotografare.

Then along came Jeoffrey who was very interested in our activity. We introduced ourselves and he was happy to have his photo taken.

lacor16-3629

lacor16-3651

lacor16-3691

Dopo poco scappa via, e penso che giocando con lui devo aver sbagliato qualcosa, d’averlo spaventato. Invece torna poco dopo, e mi porta uno dei regali più belli degli ultimi anni.

After a whie, he ran off and I thought I had done something wrong , perhaps frightened him as we were palying. But no, after a while he came backing brining me one of the most wonderful gifts I have had in years.

lacor16-3686

Teste di pesciolini, da succhiare. Mi prende la mano e me li versa dentro, sorridendomi. Che non si dica che non so apprezzare i grandi gesti.

Il lavoro continua, ma per noi le foto prese sono sufficienti, e torniamo al Lacor. Per i bambini noi bianchi dobbiamo essere davvero buffi, perché ridono sempre al nostro passaggio.

Fish heads to suck. He took my hand and poured them into my palm, smiling at me. Don’t tell me that I am incapable of appreciating a big gesture.
Work went on but we returned to Lacor. For the children here we white people must seem very funny because they bursat into laughter wherever we go.

lacor16-3724

In programma c’è un’uscita con Santo, per fare qualche scatto dai suoi vicini di casa. Ho chiesto di poter scattare qualcosa che non sia di argomento medico, ne va della mia salute. Ma tutto diventa nero, e viene giù un bel temporale.

We had planned an outing with Santo, to take some shots of his neighbours. I had asked to have some photos that were not medical, but soon the sky darkened and a storm arrived.

lacor16-3730

Qui il concetto di freddo è diverso dal nostro, basta una rinfrescata per mettersi qualcosa di pesante.

Here the concept of cold is different, it only has to freshen up and the heavy clothes come out.

lacor16-3736

Anche il concetto di regolamento stradale è più elastico.

Even the rules of the road are more elastic.

lacor16-3748

Cosa c’è di più bello che andare in giro con la mamma?

What could be better than going for a stroll with mammy?

lacor16-3759

A questo punto Santo farebbe anche a meno di portarmi in gita, pensando a tutto il fango che c’è in giro, ma m’impunto. Voglio la mia ora d’aria.

Usciamo, e subito trovo il modo di arricchire il mio portfolio per il mio prossimo libro, “I 100 alberghi da visitare prima di morire”.

At that point, Santo didn’t see much point in going, given all the mud that had formed everywhere, but I insisted. I wanted my break time.
Off we go and I immediately spied great material for my next book, “A 100 hotels to visit before you die”.

lacor16-3779

Lasciamo l’asfalto e ci buttiamo sulla terra rossa. L’aria umida è piena di odori, rilasciati da terra e piante finalmente bagnate.

We left the asphalt road and drove on the red earth. The damp air was full of smells rising from the earth and the flowers which had finally been watered.

lacor16-3792

Non ho mai visto biciclette per bambini, che quindi sono costretti a pedalare nei modi più strani.

II have never seen bikes for children her, so they have to pedal in the strangest of ways.

lacor16-3783

Arriviamo presso un gruppo di capanne. Sento l’urgenza premermi dentro, fra poco sarà buio.

We arrived at a group of huts. I was in a hurry, it would soon be dark.

lacor16-3830

Prime a riceverci sono le capre.

The goats were the first to greet us.

lacor16-3839

Poi i cani.

Then the dogs

lacor16-3889

Ecco finalmente i bambini. Non ne ricordo più i nomi, mi giravano intorno vorticosi come fossero cento, ma credo non fossero più di cinque.

And, at last, the children. I can’t remember all their names now, they were all over the place. There seemed to be hundreds of them swirling around me but there were probably only about five.

lacor16-3872

lacor16-3862

lacor16-3950

lacor16-4007

Lei è Lucy, venticinque anni, tre figli.

This is Lucy, she is twenty five years old and has three children.

lacor16-3987

lacor16-3973

lacor16-4310

lacor16-4423

lacor16-4406

lacor16-4377

Arrivano anche le vicine di casa. Sono tutte molto prese, tra il far legna, tenere acceso il fuoco, lavare le stoviglie, preparare la cena.

The neighbours arrived too. They are all busy preparing wood, keeping the fire alight, washing and preparing the evening meal.

lacor16-4384

lacor16-4288

lacor16-3937

lacor16-4030

lacor16-4337

lacor16-4184

Succede anche questo.

lacor16-4100

Intanto mi affanno per gli ultimi scatti, c’è sempre meno luce.

I was worried about getting my last shots; the light would soon be gone

lacor16-4231

lacor16-4200

lacor16-4159

lacor16-4144

lacor16-4086

Alla fine vengo premiato da un ultimo raggio di sole.

In the end, I was blessed with one last ray of sunshine.

lacor16-4502

lacor16-4482

lacor16-4473

Ce ne andiamo a malincuore, giusto in tempo ad evitare un altro temporale. Ma l’uscita mi ha fatto bene, sono contento delle foto, e poi finalmente si respira!

We left with heavy hearts, just in time to avoid another storm but it did me good and I was happy with the photos. And at last, we could breathe!

lacor16-4255

Condividi questo post su

4 Commenti

  1. Great great great

    Rispondi
  2. Mauro veramente un bel reportage. rendi l’idea di un Africa quasi serena.

    fotografie meravigliose. grazie per l’impegno

    Rispondi
  3. Oltre alla bellezza delle foto e alla tipicità dei luoghi, ciò che mi stupisce è la serenità degli sguardi, i sorrisi, la dignità delle persono, il saper gioire per quel ”poco” che hanno. Un tutto meraviglioso che induce all’ottimismo.

    Rispondi
    • Mauro grazie ! son bellissime e vive, come sempre i tuoi lavori. BRAVO

      Rispondi

Rispondi a Gian Franco Mascoli Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *